Rassegna stampa - Vignaroli: "Legatissimo a Parma e Lazio, spero in un pareggio"

di Nico D'Agostino
Vedi letture
Foto

Una salvezza e una semifinale di Coppa UEFA. Questo il curriculum di Fabio Vignaroli con la maglia del Parma. E anche una stagione con la Lazio che fanno dell'ex esterno ducale uno degli ex dell'incontro di domenica con i biancocelesti. ParmaLive.com lo ha intervistato in esclusiva prima di Lazio-Parma: "Spero sia bella. Per me è difficile tifare una o l'altra. I laziali arrivano con grande entusiasmo sull'onda del gran derby ma di fronte si troverà una squadra che vuole far punti e che sa benissimo come difendersi e ripartire. La Lazio attaccherà, il Parma proverà a far male in contropiede. E da ex, spero in una X. Con D'Aversa ci ho giocato agli inizi di carriera a Monza: è sempre stato uno dalla grande personalità, tosto di carattere e dalle idee chiare. Si intravedevano in lui le caratteristiche del mister. Per Inzaghi, invece, la trasformazione è stata più sorprendente. Faccio un grandissimo in bocca al lupo a due tecnici giovani che si sono dimostrati molto capaci. I crociati da neopromossi stanno disputando un bel campionato. Il loro è stato un ottimo inizio poi c'è stato un rallentamento soprattutto nei risultati. Quella gialloblù è una buona squadra e anche molto concreta. In ogni caso il Parma non può pensare di essere già salvo: a fine campionato ci sono sempre risultati sorprendenti che alzano la quota retrocessione. Niente relax, serve rimanere concentrati. Salvezza del 2005? Quello fu un campionato molto ma molto strano perché arrivammo a giocarci lo spareggio salvezza con ben 42 punti, a momenti si arrivava nelle zona Europa. Recuperammo tanto dopo un inizio difficile e, a proposito di Europa, ci arrampicammo fino alla semifinale di Coppa UEFA. La stagione, insomma, fu soddisfacente. Sarebbe veramente un bene rivedere una società storica e sana ritornare in Europa. Quest'anno mi sembra difficile possano farcela anche se, a un certo punto, l'Europa League non era così distante. Eppure mai dire mai, chissà che con un gran rush finale non arrivi anche questa gioia".


Altre notizie