Sì, il campionato è stato falsato. No, non può essere una scusa per il rendimento del Parma. Ora il Milan, serve tenere durissimo

di Simone Lorini
Vedi letture
Foto

Schierando una formazione imbottita di riserve, giocatori fuori forma e presi dalla squadra che fatica in Serie C, la Juventus ha irrimediabilmente falsato una lotta salvezza che non aveva certo bisogno di ulteriori fattori destabilizzanti. Male, malissimo, ma non ci possiamo far niente. Allegri ha specificato che coi titolari avrebbe vinto, un'ulteriore brutta figura dopo la sconfitta in casa della SPAL: fortunata e brava ad approfittare del calendario favorevole. Gli estensi, con questi tre punti, si mettono in ottima posizione per la salvezza, specie in caso di risultato positivo dell'Atalanta stasera contro l'Empoli. Ma pensiamo a noi stessi: i punti delle altre e la rinascita di Bologna, totale, ed Empoli, parziale, non è una scusa per lamentarsi. Serve afferrare quell'obiettivo a lungo vicino, ma mai raggiunto, per vivere, forse, la prima estate tranquilla dopo quattro anni durissimi. 

Una volta ogni tanto serve cancellare la prova di ieri e anche quella di una settimana fa: gli errori, le mosse azzeccate e la difesa arcigna sono nel passato, per quanto prossimo. Contro il Milan servirà un Parma capace di tenere non duro ma durissimo, magari con qualche rientro di spessore in formazione. Per Gervinho, a meno di nuovi problemi, non dovrebbero esserci dubbi, buone possibilità di riavere anche Bruno Alves e credo che una chance se la meriti anche Sprocati, anche ieri tra i più in palla nonostante una settimana difficile. Ma ci sono ancora tanti allenamenti davanti per fare questo tipo di scelte. Di certo servirà, ancora una volta, un Parma combattivo e concentratissimo dal primo all'ultimo minuto. 


Altre notizie