SEZIONI NOTIZIE

Quaranta giorni di tour de force, da Torino a Lecce: servirà l'aiuto di tutti per superare l'incubo e provare a sognare

di Alessandro Tedeschi
Vedi letture
Foto

Siamo rimasti per oltre due mesi con l'ultima immagine di calcio giocato dai crociati nel deserto del Tardini dell'8 marzo contro la SPAL, in una delle partite più assurde che si possa ricordare. In questi mesi il calcio è passato in secondo piano, con la quotidianità monopolizzata da uno dei momenti più bui della storia. Ora l'Europa si appresta a ripartire, con le dovute precauzioni e con i giusti tempi, e così tenta di fare anche il calcio. Ha ragione il ministro Spadafora quando ribadisce che non si poteva pensare ad una data di ripartenza un mese fa, nel pieno dell'epidemia: ma ora che il peggio sembra passato è giusto programmare la ripartenza e riaccendere il motore.

PUBBLICITÀ

Nel motore però non potranno mettere troppi giri le squadre del massimo campionato, che hanno ricominciato da poco più di una settimana gli allenamenti collettivi e che tra un paio di settimane si troveranno nuovamente in campo per la ripresa. Ed in più saranno chiamate ad un tour de force che le vedrà impegnate ogni tre giorni fino ai primi di agosto. Inutile aspettarsi i ritmi che si potevano osservare prima della sosta, sia per la poca preparazione che per le temperature torride che dovremo aspettarci nei prossimi mesi.

Come ha giustamente detto mister D'Aversa, saranno avvantaggiate quelle squadre che possono contare su rose molto lunghe, che potranno così permettersi di cambiare diverse pedine da un match all'altro. Servirà dunque l'aiuto di tutta la rosa crociata, con anche i lungodegenti finalmente recuperati. E non dovrà mancare l'apporto della dea bendata: come abbiamo potuto vedere in Bundesliga, gli infortuni alla ripresa sono frequenti, ed in casa crociata anche prima della sosta l'infermeria era spesso affollata. Tredici match in quaranta giorni saranno una dura prova, ma il Parma ha ben poco da rischiare e tanto da sognare, dopo il lungo incubo degli ultimi mesi.

Altre notizie
Lunedì 13 luglio 2020
23:45 Primo piano Serie A, l’Inter vince in rimonta il posticipo sul Torino 23:35 Ultim'ora I disegni dei piccoli crociati negli spogliatoi gialloblù: nasce la Crociatini Week 23:15 Ultim'ora Kurtic: dopo 15 presenze arriva il primo sigillo in gialloblù 22:40 Ultim'ora Bologna, che amarezza: mai nella storia due gol subiti nel recupero 22:12 Ultim'ora Milan, per Pioli gara da ex: in gialloblù il minor numero di vittorie in Serie A
PUBBLICITÀ
21:45 Ultim'ora Parma, la salvezza matematica può arrivare già tra 48 ore 21:18 Ultim'ora Mercato in uscita: il Gubbio in lizza per Michele Fornasier 20:49 Primo piano Bobby English rinasce, 9 mesi dopo: tra caviglia, quarantena e Finlandia 20:22 Ultim'ora AD Sky: "Diritti tv? Si tornerà al 2015, quando nessuno aveva l'esclusiva" 19:55 Ultim'ora Milan, Ibrahimovic contro il Parma toccherà quota 100 in rossonero 19:26 Ultim'ora Sconcerti: "Rigori? Ormai i giocatori mirano le mani degli avversari" 18:58 Ultim'ora Milan, dopo la serata a Napoli subito mattinata di lavoro in Lombardia 18:29 Primo piano #ParlaCrociato: bene Inglese, un po' meno il resto del match 18:02 Ultim'ora Collecchio: defaticante per chi ha giocato ieri, esercizi e partitella per gli altri 17:34 Ultim'ora Rigori contro, solo il Lecce ne ha subiti più dei crociati 17:06 Ultim'ora Infermeria, Scozzarella va Ko: lesione al muscolo soleo sinistro 16:40 Ultim'ora Il Potenza a Parma. Per battere la Reggiana ai playoff 16:14 Ultim'ora Parma-Bologna, la photogallery del pareggio in extremis dei crociati 15:48 Ultim'ora La riflessione di Lucarelli: "Pensa cosa sarebbe successo ieri con lo stadio pieno..." 15:24 Primo piano Assemblea di Lega: al lavoro per la riapertura degli stadi. Il segnale Sky non verrà oscurato