Partenza falsa? No problem, il Pescara si è già fatto rimontare tre volte

di Sebastian Donzella
articolo letto 154 volte
Foto

La concentrazione dei ducali contro il Pescara sarà massima, lo sappiamo. Eppure, se i gialloblù dovessero passare in svantaggio al "Tardini", non servirà a nulla farsi prendere dal panico. Gli abruzzesi, infatti, sono la squadra che ha subìto più rimonte (e che rimonte!) in queste prime otto giornate di campionato. In tre occasioni, infatti, gli uomini di Zeman hanno schiacciato l'avversario a suon di gol per poi uscire dal terreno di gioco con un solo punto tra le mani.

Una serie che si apre alla terza giornata: il Pescara chiude il primo tempo in vantaggio per 3-0 sul Frosinone grazie alla tripletta di Pettinari. Nella seconda frazione, incredibilmente, gli abruzzesi si fanno recuperare in un quarto d'ora dai ciociari, chiudendo 3-3 e rischiando addirittura la sconfitta nei minuti finali. A Salerno la storia si ripete una settimana dopo. Capone nel primo tempo e Pettinari a un quarto d'ora dalla fine fissano il doppio vantaggio azzurro. Sprocati e Minala a tempo scaduto trovano un insperato pari per i granata (cosa che, purtroppo, capiterà ai campani anche contro il Parma). Quinta giornata e terza rimontona di fila. Stavolta è l'Entella a trovarsi sotto di due gol a mezz'ora dal termine, riuscendo in 200 secondi a pareggiarla con Luppi e Diaw.

Al contrario, in nessuna occasione il Pescara, dopo esser passato in svantaggio, è riuscito a recuperare il match, come provano le sconfitte con Perugia e Cittadella. Gli uomini di D'Aversa, dunque, non devono aver paura: contro Zeman la partita può essere recuperata quando meno te l'aspetti.


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI