Parma femminile, Minari: "La sconfitta nel derby brucia ancora"

di Sebastian Donzella
articolo letto 88 volte
Foto

Il vicecapitano del Parma Femminile, Elena Minari, è intervenuta a Calcio Ladies, programma di Rete NeTVision, per analizzare il KO col Pievecella: "Siamo piuttosto deluse per la sconfitta di domenica: ci brucia ancora. Già è brutto quando si perde una partita qualsiasi, ma brucia il doppio perché era un derby. Eppure ci eravamo preparate bene: la sentivamo particolarmente, per cui siamo arrivate alla partita con qualche timore di troppo, nonostante la preparazione fosse stata buona. Non credo meritassimo di perdere, anche se il risultato finale è stato 3-1 per le avversarie. In realtà non abbiamo giocato così male, abbiamo avuto due occasioni e colto due traverse piene, una sul 2-1, quasi allo scadere della partita. Il pareggio sarebbe stato più giusto e nessuno avrebbe potuto dire niente. La differenza tra loro e noi è stata la cattiveria: loro sono state più cattive e più ciniche, mentre noi abbiamo creato occasioni, ma non le abbiamo concretizzate: questo è il film della partita".

Subito dopo la sconfitta, Minari racconta un aneddoto di spogliatoio: "Sono sempre abbastanza positiva: nonostante il risultato, subito dopo la partita negli spogliatoi, ho cercato di dire alle mie compagne che dobbiamo archiviarla immediatamente e ripartire, perché dobbiamo rimanere concentrate sull’obiettivo della stagione. Non possiamo assolutamente buttare via tutto quello di buono che abbiamo fatto fino adesso. Abbiamo tutti i mezzi per toglierci delle soddisfazioni grandi. Le sconfitte formano, temprano: abbiamo delle ragazze molto giovani che forse fanno più fatica a metabolizzarla, perché non hanno l’esperienza per questo tipo di delusioni: però dobbiamo ripartire di qui pensando che veramente siamo forti e la nostra forza è soprattutto il gruppo e quindi se il gruppo rimane coeso possiamo andare ancora avanti bene".

Il vicecapitano ducale ricorda anche un brutto gesto avversario: "La T-shirt di una delle reggiane con un'emoticon gigante un po’ così? Io non riesco proprio ad archiviarla come un gioco, perché io i derby li sento particolarmente, l’ho sempre detto, sono parmigiana doc, tifo per il Parma da sempre: io quella maglietta, per fortuna, non l’ho vista a fine partita, me l’hanno riferito le altre mie compagne, ma è stato meglio che non l’abbia vista, anche se non avrei fatto niente, per carità. Comunque è stato un gesto antisportivo, noi non ci saremmo mai permesse di fare una cosa del genere, perché non ce n’è bisogno, ma non voglio far polemiche".


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI