Gagliolo: "A Pescara abbiamo interpretato bene la gara, a Chiavari per fare risultato"

di Mattia Bottazzi
articolo letto 334 volte
Foto

Arrivato quest estate dal Carpi è diventato ben presto un pilastro della difesa del Parma, dimostrandosi efficace anche in zona gol. Riccardo Gagliolo è intervenuto oggi in conferenza stampa ed ha risposto alle domande dei giornalisti: "Siamo in un momento positivo, ogni partita è a sè, bisogna entrare in campo con determinazione e quel pizzico di ignoranza che ci vuole sempre".

Il calendario ora è strano: tre partite di fila in trasferta poi tre in casa.
" Sicuramente è meglio giocare in casa che fuori, ma andremo a Chiavari per fare la partita e portare a casa il risultato pieno".

A Pescara si è visto un Parma padrone del campo, è una consapevolezza in più per voi?
"Abbiamo giocato bene, l'abbiamo interpretata benissimo ma non è l'unica, penso anche alla partita di Foggia. L'abbiamo sbloccato subito e poi la partita si è messa in discesa".

Continui a fare gol e nessuno te l'ha tolto.
"Fa sempre piacere fare gol ma è stato importante portare a casa il risultato".

Pensare partita dopo partita vi aiuta di più a dare tutto?
"E' giusto pensare partita dopo partita perché è un campionato lungo, giochi ogni tre giorni, vinci una partita sei da promozione e ne perdi una e sei da retrocessione, quindi è meglio pensare solo ai 90 minuti".

Dopo Empoli vi siete tolti un blocco? Quello di non dover arrivare più in vetta alla classifica.
"Empoli è stato il punto più basso della stagione, speriamo non capiti più. Dopo quella partita ci siamo guardati in faccia con la società e siamo riusciti a cambiare marcia".

Che cosa vi siete detti?
"La squadra ha grandissime qualità, ma in Serie B spesso non basta. Ci vogliono concentrazione e determinazione, ci stiamo mettendo più grinta. Bisogna cercare meno il bel gioco e più la sostanza".

Come ti stai trovando da terzino sinistro?
"Bene, sono a disposizione del mister e dove mi fa giocare gioco. Ho giocato spesso a Carpi terzino sinistro, in questo momento c'è bisogno lì".

Nel momento di difficoltà c'è stato un ritorno al 4-3-3.
"E' il modulo in cui siamo più rodati, abbiamo provato anche il 3-5-2 in base ad infortuni e problematiche. Ora stiamo andando bene e penso che continueremo così".

Stai facendo un pensierino per andare al Mondiale con la Svezia?
"Non ne hanno bisogno, non mi hanno mai chiamato".
 


Altre notizie
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy